Scopri il Museo

Unica struttura in Italia completamente dedicata alle scienze planetarie, il museo è stato inaugurato nel 2005 e offre al visitatore un percorso coinvolgente che partendo dallo spazio tra le stelle ed i pianeti lo riporta sulla Terra con le bizzarre traiettorie delle meteoriti e con i minerali che testimoniano la grande varietà geologica del nostro pianeta.  
Il percorso espositivo, progettato per realizzare una perfetta integrazione tra elementi architettonici ed esemplari esposti, privilegia forme curve e ambientazioni suggestive, postazioni multimediali e multiproiezioni come la sala della quadrisfera dove si assiste ad una multi-proiezione che, grazie ad un complesso gioco di specchi racconta con suoni ed immagini suggestive la nascita e l’evoluzione del Sistema Solare e del nostro pianeta in particolare. 
Due sono le collezioni principali del museo: quella di meteoriti e rocce da impatto costituita da 928 esemplari di meteoriti di cui 125 esposti e da 265 campioni di impattiti di cui esposti 48, l’altra di minerali composta da 6.500 campioni di cui 130 esposti.
Meteoriti, impattiti e minerali sono il campo di ricerca scientifica del museo con l’obiettivo di ricavare informazioni preziose per comprendere l’origine del Sistema Solare e la storia evolutiva dei pianeti e quindi anche della Terra.
Oggetto di studio sono anche le conseguenze degli impatti di grossi corpi interplanetari sul nostro pianeta che hanno inciso profondamente sull’evoluzione della vita. 
Oltre alla ricerca scientifica, alla cura e conservazione delle collezioni, il museo svolge con continuità l’imprescindibile attività educativa e divulgativa che è rivolta sia alle scolaresche che a tutti gli altri visitatori, dai ragazzi agli adulti: visite con gli educatori museali alle collezioni, attività laboratoriali interattive e multisensoriali, iniziative ricreative come i “compleanni al museo”, percorsi specifici di inclusione e partecipazione per soggetti fragili e bisognosi effettuati con la preziosa collaborazione degli enti che quotidianamente lavorano a stretto contatto con le diverse realtà coinvolte.

Storia e mission

L'idea di realizzare un Museo di Scienze Planetarie ha preso forma verso la fine degli anni '90, quando la Provincia di Prato ha deciso di dare un forte impulso allo sviluppo della cultura scientifica nel territorio pratese partendo dalla valorizzazione delle competenze e delle realtà scientifiche locali. È stato così...

Top

Percorso espositivo

Il percorso espositivo del Museo, caratterizzato da ampie vetrine espositive curve concave e convesse, è il risultato di una perfetta integrazione tra gli elementi architettonici caratteristici dell’edificio che ospita il Museo, le rimesse della ex-caserma dei Vigili del Fuoco, i reperti esposti (meteoriti, rocce da impatto e minerali) e la...

Top

Laboratori interattivi

Il laboratorio interattivo Esperimenta con Galileo, inaugurato il 20 marzo 2010, è stato realizzato all’interno del progetto “Sotto il segno di Galileo. Luoghi della scienza in Toscana”, finanziato dalla Regione Toscana nel 2009, per celebrare i 400 anni dalle prime osservazioni con il “cannocchiale” di Galileo Galilei e l’anno internazionale...

Top

Collezioni

Il Museo di Scienze Planetarie conserva una delle collezioni più importanti a livello nazionale di meteoriti e rocce da impatto e una collezione di campioni mineralogici tra i quali alcuni unici a livello mondiale. 
Le collezioni del Museo di Scienze Planetarie hanno cominciato a formarsi a partire dal 1999, grazie ai...

Top

Hai trovato una meteorite?

Premesso che trovare una meteorite è un evento estremamente raro ma non impossibile, se pensi di averne trovata una, invia alcune foto di dettaglio del campione a questo indirizzo msp@fondazioneparsec.it, insieme ad una descrizione del luogo e del momento del ritrovamento oltre ad informazioni come il peso, le dimensioni...

Top

Collabora con noi

None...
Top

Reti museali

Il Museo di Scienze Planetarie ha ottenuto il riconoscimento di rilevanza regionale con il decreto dirigenziale n. 5984 del 18/12/2012. e le successive valutazioni triennali sono andate sempre a buon fine. Per tale riconoscimento, il Museo è stato proposto a livello territoriale come Capofila del sistema museale Rete Musei di Prato (ex...

Top
Accetto
Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Questo sito utilizza cookie tecnici. Clicca qui per prendere visione dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie e leggere come disabilitarne l'uso. Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Cerca sul sito